Uscite

FotoTrek nel regno della Sibilla

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando: Domenica 12 luglio
Ritrovo: Parcheggio della fornace a Jesi ore 6.45
Ubicazione: a 10 km da Montemonaco (AP)
Lunghezza del Percorso: circa 7,0 km
Altitudine: Partenza a mt. 1540 s.l.m. Arrivo a mt. 2173 s.l.m.
Difficoltà del percorso: Media. Per escursionisti e famiglie senza bambini
Durata del Percorso: 2h 30 minuti circa (Andata) + 2h circa (Ritorno)
Periodo Consigliato: da Aprile a Novembre

 

Intinerario “I segreti del Monte Sibilla”

Per salire al rifugio Sibilla prenderemo un bus navetta in località Collina di Montemonaco
(al costo di 3 euro a corsa) che ci eviterà di percorrere la strada assai sconnessa

Dopo aver raggiungo
il Rifugio Sibilla a 1540 mt. si proseguire a piedi.

E’ vivamente consigliato di rifornirsi di
acqua poiché lungo il percorso non ci sono punti di abbeveraggio.

1° Percorso: continuare sulla strada sterrata proprio a fianco del rifugio, salire lentamente
in quota, ed arrivare alla Grotta delle Fate per poi arrivare sulla cima del Monte Sibilla.

2° Percorso: prendere il sentiero dietro il rifugio e salire immediatamente (in maniera più
ripida) in quota, percorrere tutta la cresta, arrivare alla Grotta delle Fate e poi raggiungere
la cima del Monte Sibilla.

La prima opzione è una strada più lunga ma sale con più dolcezza e di conseguenza può
essere percorsa anche da persone meno allenate.
La seconda è più impegnativa perché in circa 1h si è sopra alla cresta del monte. Il
paesaggio e la percorrenza della cresta è sicuramente molto più emozionante e
paesaggisticamente… da favola! Si può anche combinare i due percorsi salendo dal primo
percorso e scendendo dal secondo per gustare entrambi i paesaggi.

Note Importanti:
entrambi i sentieri sono esposti al sole sempre e di conseguenza è consigliato l’utilizzo di
copricapi, scarponi da trekking con i tasselli, racchette e una buona scorta di acqua
poiché, soprattutto nei mesi caldi (luglio e agosto) il sole scalda molto e la sudorazione è
abbondante. Si consiglia inoltre di utilizzare anche protettivi per la pelle con filtri maggiori
di 15-20 per evitare insolazioni.

(foto destinazionemarche.it – documentazione sibilliniweb.it)

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *