Eventi

Foto Senza Fili, mostra personale di Adriana Argalia

MANIFESTO-MOSTRA-ARGALIA-Social-Opera-2016_light-210x300FOTO SENZA FILI
Adriana Argalia da Social Opera
mostra di Adriana Argalia
dal 9 novembre al 4 dicembre 2016

JESI | Pinacoteca Civica | Galleria degli Stucchi
Inaugurazione: mercoledì 9 novembre ore 18.30 alla presenza dell’Artista
Orario di apertura: da martedì a domenica ore 10.00 – 13.00  / 16.00 -19.00

A due anni dalla presentazione pubblica del catalogo Libràrsi, l’artista jesina Adriana Argalia torna a proporre un poetico racconto per immagini, ispirata dai protagonisti del SocialOpera.

Nel maggio scorso infatti si è tenuta la 2° edizione del Social Opera Festival, un articolato percorso che ha coinvolto il mondo delle scuole, della disabilità e del disagio sociale, registrando la partecipazione di oltre 700 bambini, ragazzi e adulti affiancati da circa 60 educatori e insegnanti (a loro volta guidati dagli operatori del Social Opera Team coordinato da Silvano Sbarbati).

Nel corso del Festival 2016, ma anche durante le edizioni precedenti, la fotografa d’arte Adriana Argalia ha fissato con la sua macchina alcuni momenti particolarmente vibranti, catturati attraverso il filtro di una straordinaria sensibilità artistica: ne viene esposta una selezione, a cura dell’Artista, portando alla luce le emozioni e i sentimenti che palpitano in palcoscenico.
Grazie al sodalizio artistico instaurato con la Fondazione Pergolesi Spontini, l’Artista ha fotografato in questi anni ogni genere di spettacolo, di danza, prosa, lirica, musica leggera, cabaret; la mostra di quest’anno consente di continuare a dare veste organica ad un progetto artistico nato dall’amore dell’Autrice per il Teatro. Tanti gli artisti che Adriana Argalia ha immortalato sul palcoscenico – professionisti e non – fissandoli in quell’attimo che solo il suo “terzo occhio” riesce a cogliere e a renderli sorprendenti protagonisti di raffinata “arte nell’arte”.

Autrice di numerose pubblicazioni fotografiche ed artista apprezzata da grandi maestri come Mario Giacomelli così come da importanti critici e direttori di musei internazionali, Adriana Argalia è nata a Jesi ed è laureata in Lettere. Scoperta la fotografia attraverso gli altri alla fine degli anni ‘70, il bianco e nero diventa il suo segno caratteristico. Nel 2000 passa alla fotografia digitale che le permette di usare indifferentemente colore o bianco e nero. Partecipa a varie mostre, collettive e personali, a livello nazionale; sue fotografie e suoi cataloghi sono conservati, tra l’altro, nella Biblioteca Nazionale di Parigi, all’Università di Puebla (Messico), al useo Nordiska di Stoccolma, a Milano (Diaframma Canon), a Venezia (Centro internazionale di fotografia, Tre Oci/Fondo Italo Zannier). Tra i cataloghi realizzati, “Jesi”, “Fluisce alla terra il cielo”, “Ritratti: orizzonti femminili”, “Una m@il dalla luna” “Castelbellino”, “Trac!”, “Libràrsi”. Nel 2005 l’inizio della collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi e quindi l’incontro entusiasmante con il Teatro ed i suoi Artisti. Suoi i manifesti delle Stagioni teatrali di prosa della Fondazione dal 2006 al 2014.

Il SocialOpera è un percorso di teatreducazione articolato in spettacoli, laboratori, seminari, incontri ed eventi e presenta in continuum il frutto di cinque anni di lavoro, coinvolgendo il mondo delle scuole, della disabilità e del disagio sociale. L’iniziativa ha voluto associare una precisa sensibilità per il mondo dell’educazione, della formazione e della costruzione di percorsi di integrazione e di recupero, al melodramma, strumento dalle grandi potenzialità come stimolo emotivo, comunitario, culturale.

SocialOpera ha interessato un territorio che va da Jesi a Maiolati Spontini, e ancora Castelplanio, Cupramontana, Fabriano, Filottrano, Montecarotto, Staffolo. Il festival presenta gli esiti dei tanti laboratori di teatralità tra cui “OperaH” e “Sensibilirica” per persone con disagio fisico/psichico, e della rassegna di Teatro della Scuola “6+ in lirica”. Attraverso il coinvolgimento delle realtà sociali e culturali che operano nel territorio, il progetto mira a coniugare il valore emozionale e di gruppo dell’opera lirica con le persone che hanno avuto ed hanno poche occasioni di sperimentarlo.

La Terza Edizione del SocialOpera ha preso avvio nei giorni scorsi e presenterà i suoi risultati nel maggio 2017.

Potrebbe interessarti anche